Traccia corrente

Titolo

Artista


CHI È KALI UCHIS, LA CANTANTE DI TELEPATIA

Scritto da il Aprile 2, 2021

Non c’è da stupirsi che di questi tempi le tendenze musicali vengano dettate dalle nuove piattaforme social di successo. Piattaforme in grado di lanciare non solo delle hit, ma anche delle carriere.

 

È il caso di Kali Uchis, all’anagrafe Karly-Marina Loaiza classe ’94, che in queste settimane sta spopolando sul social più usato del momento Tik Tok.

 

Il suo singolo “Telepatía” è in cima alle tendenze degli audio più utilizzati dell’ultimo periodo, ma chi è la voce del recente trend musicale?

 

Kali Uchis è una cantautrice statunitense di origini colombiane che ha mosso i suoi primi passi nel mondo della musica durante le scuole superiori, apprendendo a suonare il pianoforte ed il sassofono. La musica non è stata la sua unica passione in quei tempi: difatti si esercitava anche nella fotografia e nella creazioni di riprese sperimentali.

 

Il suo primo lavoro musicale è arrivato nel 2012: un mixtape dal titolo “Drunken Babble”, una miscela di generi musicali incluso l’R&B che l’ha sempre accompagnata.

Nel 2015 ha rilasciato invece il suo primo EP “Por Vida”.

 

Tra il 2017 ed il 2018 ha ricevuto diverse soddisfazioni tra collaborazioni con artisti rinomati del panorama statunitense e della musica latina, l’apertura durante le torunée di cantanti già affermati ed il suo primo album “Isolation”, acclamatissimo dalla critica.

 

L’ultimo album “Sin Miedo (del Amor y Otros Demonios)” uscito il 18 novembre 2020 è quello che l’ha lanciata nel panorama internazionale.

La copertina ufficiale di “Sin Miedo (del Amor y Otros Demonios)”.  (The cover art copyright is believed to belong to the label, Interscope and Virgin EMI, or the graphic artist(s).)

 

Il lavoro, composto interamente da brani in spagnolo con un pizzico d’inglese, era stato anticipato a dicembre 2019 e vanta la partecipazione di Jhay Cortez ed il duo Jowell & Randy.

I 13 brani che lo compongono sono un mix di R&B, reggaeton e pop, rappresentando quasi a 360° le influenze musicali della giovane cantautrice.

 

Incredibile pensare che con il successo che ha ricevuto grazie alla sua lingua d’origine, in passato le avessero sconsigliato di produrre un lavoro discografico in spagnolo.